Archivi categoria: EVENTI

Aperitivo di bellezza a Palazzo Caracciolo con Ciro Florio e Giovanni Ciacci

Oltre cento donne, promesse spose e non, hanno preso parte domenica pomeriggio all’evento dal titolo “Aperitivo di bellezza” un happening svoltosi nel chiostro di Palazzo Caracciolo, per confrontarsi su trucco, parrucco e total look con il make up artist dei vip Ciro Florio e il look maker volto noto della tv e conduttore televisivo Giovanni Ciacci, giunto a Napoli per l’occasione. Il cocktail party è stato motivo per presentare al pubblico anche il nuovo format per il web “Alta consulenza” che sarà on line dal mese di novembre sui social network dei due maestri di bellezza: Ciacci e Florio.

Rivolto soprattutto al mondo del wedding il programma consentirà a tante donne, prossime al matrimonio, di chiedere consigli a Giovanni Ciacci e Ciro Florio che saranno poi coadiuvati da un team di professionisti del settore. Una vera novità nel mondo dell’online, con pillole di bellezza da poter vedere e rivedere in ogni momento della giornata, collegandosi direttamente dal proprio pc, dallo smartphone o dalla smart tv. I telespettatori saranno così catapultati dal divanetto di “Alta consulenza” dove siedono i maestri del beauty alla casa della sposa, proprio nel giorno del suo matrimonio ove potranno scoprire il risultato finale del total look … dando così vita ad un reality unico innovativo ed interessante per le numerose signore che impazienti aspettano la messa in onda del programma.

Sul divanetto di “Alta consulenza” con le promesse spose si sono interfacciati oltre a Giovanni Ciacci e Ciro Florio anche: Francesco Massaro e Delia Chiocca stylist; Nicola Russo interior designer; l’hair stylist Salvatore Benitozzi e il chirurgo plastico Silvio Smeraglia. La regia del programma è di Vittorio Iumiento che condurrà il pubblico alla conoscenza delle spose e alla scoperta del loro look. Autrice del format è la nota penna di Elisabetta Rasicci, già autrice di programmi di successo per Real Time. Insomma dal prossimo autunno il duo Ciacci Florio farà da compagnia alle spose italiane e per tutte sarà come avere ogni giorno la possibilità di “curiosare” tra le tendenze e i suggerimenti proposti da veri ambasciatori della bellezza con un click!

Annunci
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , ,

World Top Model 2018 la finalissima a settembre

Quaranta aspiranti Miss sono state le assolute protagoniste della tappa nella città di Napoli del Concorso Internazionale World Top Model prodotto da Fiore Tondi , la cui finale nazionale si svolgerà il prossimo 22 settembre in Salento: Martina Avitabile, Serena Napoletano, Federica Di Bennardo, Mayra Gagliardo, Sara Criscuolo, Carmen Albolino, Magdalina Zhentychka, Francesca Frattini, Giovanna Cianfrano, Mariavittoria Del Peschio, Valeria Karnaukhova, Annalisa Silvestro, Jenny Terracciano, Maria Mauriello, Martina D’Alterio, Giulia Testalepre, Anastasiya Di Grazia, Eleonora Cozzolino, Elaine Spatariu, Teresa De Rosa, Vincenza Francesca Catapano, Francesca Pace, Ornella Trani, Bianca Grosso, Fatima Adamo, Sara Esposito, Annamaria Sammarco, Chiara Masone, Giada D’Angelo, Eleonora Guarino, Chiara Cernicchiara, Edda Curcio, Luna De Matteo, Ilia Massimo, Marika Cardone, Silvana Izzo, Yledis William, Francesca Settembre, hanno sfilato mercoledì 27 giugno nella splendida cornice di Villa Domi, per aggiudicarsi il Titolo di Miss World Top Model Napoli 2018.

Molto applauditi i fashion show del White Brand “Kuea” sponsor nazionale “World Top Model”, de”Il Bello delle Donne”, di Loredana Gaeta che ha presentato una capsule della Collezione Estate 2018, dal beach wear all’after six ideale per una donna che vuole essere alla page in ogni ora del giorno e della Pellicceria Umberto Antonelli, che ha proposto un’anteprima della Collezione Autunno Inverno 2018-19 più che mai preziosa e ricca di colori ideali per mitigare i grigiori invernali, come anche le performance artistiche di Antonio Marino, tra i partecipanti del programma televisivo “The Voice Italy” in onda su Rai 2. Un’autorevole giuria presieduta da Nicola Grispello, noto imprenditore cinematografico e composta da Giulio Ferlaino, Gerry Gallo, Loredana Gaeta, Annamaria Ghedina, Guglielmo D’Aniello, Salvatore Imperatore, Federica Savarese in rappresentanza dell’Accademia della Moda di Michele Lettieri, Antonio D’ Addio, Rosalia Sistito, Geppino Afeltra, Tanya La Gatta, Domenico Contessa, Gaetano Agliata, Manuela Catapano, Silvio Smeraglia, si è così espressa: Prima classificata Luna De Matteo che ha conquistato la fascia di World Top Model Napoli che dà accesso direttamente alla finale nazionale del Salento, Seconda Classificata, Silvana Izzo, Terza Classificata Mayra Gagliardo.

Nel corso dell’evento a cui hanno partecipato 500 selezionati invitati, sono state assegnate borse di studio dall’Accademia della Moda di Napoli a quattro splendide concorrenti: Silvana Izzo, Luna De Matteo, Federica Di Bennardo, Vincenza Catapano, mentre Giorgia Bertoni, titolare di “Claia” notissimo centro estetico di via San Giacomo dei Capri , in pieno Vomero, che vanta un eccellente team di esperti ed apparecchiature all’avanguardia ideali per il conseguimento ed il mantenimento di una linea perfetta per ambedue i sessi, ha individuato Ludovica Calabrese come Miss “Claia” 2018. A seguire dinner buffet secondo i canoni della tradizione culinaria partenopea, con le fragranti prelibatezze di “Da Pasqualino” la nota pizzeria del Borgo Loreto, rappresentata da Lella Gallifuoco, campionessa mondiale di pizza fritta, Linda Gallifuoco “artist pizzaiola” e Giovanna Mazzotta, “le paste” dello Chef di Villa Domi, la pasticceria di Carmine Carrelli, ed “Il Caffè Kamo”, con la sua nuova linea di cialde monodose, caratterizzata da quattro selezionate miscele di alta qualità di cui 3 ispirate ai vulcani “Tolima”, “Tambora”, “Fuego” accanto a “Deca” che esula dalla logica dei vulcani.

Contrassegnato da tag , , ,

Grande successo per la finale del concorso canoro Una Voce per l’Agro

Il 10 giugno scorso Il comune di San Valentino Torio, il cuore pulsante dell’agro nocerino-sarnese, ha ospitato la finale del concorso Una voce per l’Agro.

San Valentino Torio , il cosiddetto paese degli innamorati, piccolo ma pieno di fascino, immerso nella natura, tranquillo e vivace nello stesso tempo. L’evento voluto fortemente dall’amministrazione comunale nella persona del primo cittadino dr. Michele Strianese e dall’assessore alla cultura e spettacolo Enzo Ferrante. Piazza Amendola era gremita di persone per assistere alla sfida finale dei 16 artisti rimasti  in gara che si sono contesi il  titolo di vincitore.

L’evento è stato ripreso integralmente da Rtc Quarta Rete, in contemporanea c’è stata la diretta di radio MPA che ha effettuato anche le interviste a tutti gli artisti partecipanti alla kermesse.La manifestazione è stata condotta con grande maestria dalle giornaliste Edda Cioffi e Cinzia Tattini. Madrina della serata l’attrice vesuviana Lucia Di Martino. Direttore artistico nonché organizzatore di tutta la manifestazione è stato il poeta, vincitore di numerosi premi letterari a livello nazionale, Pietro Baratta.

La vincitrice del concorso canoro è stata l’artista di Balvano Luisa Picerno che ha ricevuto una borsa di studio di quattro lezioni messa a disposizione dallo studio di produzione Big Stone, per iniziare un progetto artistico che vedrà la realizzazione di un singolo per Sanremo giovani,  inoltre la stessa vincitrice del concorso sarà intervistata dalla radio media partner con il relativo passaggio del brano che gli sarà realizzato. Targa e trofeo per il secondo e terzo classificato, che si sono aggiudicati rispettivamente gli artisti angresi, Vincenzo Viscardi ed Elvira Del Sorbo. Inoltre per due candidati che non sono risultati nella rosa dei vincitori, più precisamente per l’artista di Pagani Anna Cuore e per il tenore di Torre del Greco Antonio De Rosa, ci sarà la partecipazione gratuita ai corsi dei laboratori del “Village music academy” tenuti da discografici, giornalisti e produttori di fama nazionale, per la promozione e formazione dei talento, con inserimento nel panorama artistico nazionale, presentazione alle “GRANDI” case discografiche e cinematografiche, lezioni di canto, recitazione, movimento scenico, ballo da parte di docenti big, partecipazioni a talent televisivi e alle selezioni dell’area Sanremo, essendo partner ufficiale dello stesso festival, logicamente per gli allievi più talentuosi. L’artista Antonio De Rosa è stato altresì scelto dal produttore discografico della big stone studio, Massimo Curzio, per un corso preparatorio che gli darà concrete possibiltà di realizzare un inedito da poter presentare a Sanremo Giovani 2019. Tra gli ospiti  d’onore alla finale del concorso abbiamo avuto una ragazza  artisticamente strepitosa che si è fatta conoscere già al grande pubblico, la bella e professionale SophiaBarzotti e direttamente dal programma Prodigi di Rai Uno, condotto da Flavio Insinna, la talentuosa Carla Paradiso. Ricordiamo tra gli altri ospiti presenti all’evento, il ballerino di danze urbane Stefano Giangrande,la vincitrice del concorso canoro “Una voce per Scafati” Michela Baselice, il giovanissimo Vincenzo Oliva e  Antonella Mancusi.Tra i giurati che sono intervenuti ricordiamo innanzitutto i rappresentati delle radio media partner, annoveriamo Italia Radio, Radio Amore, Radio Antenna Uno, Radio Stereo 5, Radio MPA, Radio Blue Star, Radio Divina Fm. Saranno proprio queste radio che intervisteranno il vincitore del concorso dopo la realizzazione del brano inedito. Ricordiamo inoltre che sono stati  presenti i giornalisti di diverse testate, tra i quali ricordiamo MaricaLamberti giornalista nonché speaker di Radio Bussola 24, abbiamo avuto ancora sempre in qualità di giurati, le cantanti di fama nazionale Grazia Guerra ed Emilia Zamuner, i musicisti,  nonché autori, compositori e cantanti : Marcello Attanasio e Massimo Curzio, quest’ultimo titolare dello studio Big Stone per produzioni artisti emergenti Tra le autorità politiche che hanno presenziato l’evento ricordiamo  la dr.ssa Maria Rosaria Vitiello consigliere politico della Provincia di Salerno per le politiche culturali, educative e scolastiche, e la dr.ssa Carmela Sermino assessore alla giustizia sociale e sviluppo del territorio della terza muncipalità del Comune di Napoli, il primo cittadino di San Valentino Torio dr. Michele Strianese, l’assessore Enzo Ferrante e tutta l’amministrazione comunale.

Contrassegnato da tag

Crown Theater & L.A.A.V. Officina Teatrale presentano lo spettacolo Full ‘e Fools

Giovedì 14 giugno a Napoli, presso il Cortile delle Carrozze di Palazzo Reale, nell’ambito del Napoli Teatro Festival 2018, andrà in scena la compagnia Crown Theater con Full ‘e Fools.

Lo spettacolo scritto da Paolo Romano, vuole essere un’ode agli emarginati, un omaggio alla follia, con riferimenti non troppo dichiarati, ma nemmeno troppo celati ai grandi personaggi della tradizione shakespeariana. Un viaggio che indaga l’animo umano e le sue fragilità attraverso le confessioni del “full” di protagonisti.

Possiamo perdonare un bambino quando ha paura del buio. La vera tragedia della vita è quando un uomo ha paura della luce – Platone

Ci sono due modi di diffondere la luce: essere candela, oppure lo specchio che la riflette – Edith Newbold Jones Wharton

Sulla casa il tetto, sul tetto il gallo, sul campanile la campana, sul cappello il campanello – Paolo Romano

In un fazzoletto di terra, sotto un ponte stradale, tra rifiuti e letti di cartone, una Regina Clochard, una Regina Vagabonda, un Re Homeless, un Re Barbone ed infine un Piccolo Re Folle si ritrovano in un’accoppiata vincente: il Full dei Fools.

5 emarginati, che nelle loro peculiarità e nei loro differenti percorsi di vita, incarnano ciascuno quella tragedia che riverbera nei personaggi che animano l’universo del Bardo, senza mai, però, palesarlo nel corso della messa in scena. Tutti i pensieri che tormentano l’animo umano prendono ora forma, suono, vita, dando voce come in una possessione, a reminiscenze dello spirito di Lady Macbeth, di Lavinia, di Re Lear e di Riccardo III, per una confessione catartico-drammatica.

Una partita a carte, paventata ma mai giocata, diviene l’effetto scatenante di questa purificazione liberatoria, il pretesto per attivare nei personaggi dinamiche di psicologia introspettiva in una terapia di gruppo, dove i quattro reietti confessano un vissuto carico di grandi tragedie, un flusso di coscienza che emerge in modo improvviso ed eruttivo.

I 4 personaggi, così come quattro carte francesi, che sul tavolo da gioco rivelano il loro valore, si alternano nella confessione, completamente ignari del fatto di essere manovrati dal mazziere, contaminati da una pazzia rivelatrice per mano di un Discolo, o Puck che fa da jolly nel mazzo.
Ma quel ragazzino, quel giullare che gioca con le coscienze degli emarginati, deformandole, non è che il Golem nelle mani di un Dio ancor più folle, che piomba dall’alto sotto forma di un pacco.

E come nella migliore tradizione antica del teatro, il divino che scende a sorpresa con un marchingegno, il manovratore occulto, il Deus Ex Machina, irrompe sulla scena in un modo che è casuale solo in apparenza, per portare luce nell’ombra e risolvere ciò che all’uomo pare irrisolvibile. Darà chiarezza, senso e significato simbolico ad ogni oggetto manifesto, che possa essere un fiore, uno specchio, un coltello, uno scrigno.

Full ‘e fools vuole mettere in evidenza l’effimera corsa contro il tempo, verso gli obiettivi fasulli che la società ci impone sin da piccoli, costringendoci a perseguire l’inafferrabile.
E proprio durante questa folle corsa può capitare di imbattersi in un’ anima raminga, senza però avvertire la sua presenza, un uomo o una donna condannati all’ombra proprio dal nostro comune egoismo, come scarti di una società che si mostra respingente verso i più deboli e bisognosi e che sempre più spesso raggiungono di diritto lo status di uomini invisibili.

L’incontro dell’umano nel teatro del mondo, avviene in questo caso specifico nel mondo del teatro e quella sottile linea di confine, la barriera posta dalla società e da noi stessi facenti parte della stessa, si riduce a golfo mistico, a quello spazio fisico tra platea e palcoscenico in un gioco tra le parti dove la riflessione fa emergere il dramma della condizione umana al di là della classi e delle etichette.

La compagnia Crown Theater porta in scena un progetto corale, che dà vita ad una regia collettiva, cui prendono parte tutti i suoi membri.

Lo spettacolo andrà in scena nel Cortile delle Carrozze di Palazzo Reale, ore 21:30 per il Napoli Teatro Festival 2018.

CAST:
Rossella Amato
Gianluca d’Agostino
Marcella Granito
Paolo Romano
e il piccolo Gabriele Carlo D’Aquino.

Contrassegnato da tag , ,

“I colori dell’anima” le opere di “natura viva” di Paola Fiorentino

Giovedì 7 giugno alle ore 18, nelle sede napoletana della Fondazione Giambattista Vico (Complesso Monumentale di San Gennaro all’Olmo, via San Biagio dei Librai), vernissage dell’attesa mostra “I colori dell’anima” con le opere di “natura viva” della poliedrica Paola Fiorentino, feconda artista positanese, avvocato e nota imprenditrice a Positano nell’ospitalità di lusso mondiale, apprezzata chef d’impronta mediterranea salutista, titolata sciabolatrice, sommelier, maestra di formaggi.

Intervengono con l’artista: il presidente della Fondazione Vico, Luigi Maria Pepe; i rappresentanti istituzionali; il presidente del Movimento ecologista europeo FareAmbiente, Vincenzo Pepe; esponenti della Cultura, dell’Arte, dell’Informazione; padre Massimo Ghezzi, a guida della Parrocchia napoletana di San Gennaro al Vomero, alla quale andranno i proventi delle vendite, per il Progetto AbitiAMO, dedicato ai senza dimora.

In esposizione, 25 quadri; borse, foulard e altri accessori orlati e dipinti a mano, ceramiche; le litografie costiere del fratello Domenico Fiorentino; alcuni lavori di mamma Giuseppina: la nota Helene Passerotti, fondatrice nel ‘60 della moda Positano,  quella degli abiti esclusivi dipinti a mano su stoffe naturali – lino cotone e sete – con estro squisitamente artistico ed anche con disegni personalizzati per la/il cliente.

Seguirà una visita guidata artistico-storica al Complesso Monumentale, poi il ricevimento a invito, nello storico Palazzo Marigliano.

La pittura di Paola Fiorentino ha finalità di tipo terapeutico: le sue opere vogliono trasmettere energie positive, tendono ad essere energizzanti, grazie al potere dei colori adoperati, risultano energizzanti su chi ha bisogno di ricaricarsi, recuperare positività, guardare con ottimismo e ritrovato interesse alla vita; rasserenanti perché le vernici usate sono visibili al buio, ideali per i bambini, principali destinatari dei suoi lavori, che temono l’oscurità e pure per gli anziani ed i soggetti sensibili e ansiosi.

“I miei quadri nascono da momenti di relax mentale, dove  il colore scorre col pennello su tela per creare natura viva:

le alici ‘respirano’, quindi le bolle… le albicocche sono arancione intenso, mature e pronte per esser raccolte e gustate; i gelsomini sono fioriti nel loro candore m, il Vesuvio ruba il colore al mare – afferma l’artista – Il mio motto è: ‘La Creatività uccide le negatività in Cucina e in ogni forma di Arte e aiuta a vivere meglio’”.

Tra i quadri in mostra: Gelsomino, Girasoli, Notte stellata con Luna crescente, Magia dello Spazio infinito; Alici di Cetara, Prato fiorito, Albicocche vesuviane, Vaso con Limoni, Rose al tramonto, Prato in fluorescenza, Vesuvio e Monte Somma in blu, e in fiamme, Fuochi d’ artificio oro, Limoni sotto un cielo stellato.

Contrassegnato da tag ,

International Tattoo Fest 2018: a Napoli i migliori artisti del tatuaggio da tutto il mondo

Aperitif party, breaking battle e contest con la musica dal vivo dei dj Frank Carpentieri, Pj Jonson e Ggno, Marco Corvino, Hollen, dj Uncino, Max Bucci e Oyoshe. Si ride con Mino Abbacuccio di “Made in Sud”. Ed ancora writer, attività benefiche, laboratori per bimbi e tanto cibo alla Mostra d’Oltremare dal 25 al 27 maggio

Tre giorni all’insegna del puro divertimento alla Mostra d’Oltremare di Napoli per l’atteso appuntamento con l’International Tattoo Fest. La convention, organizzata da Costattoo (alias Costantino Sasso), si terrà da venerdì 25 a domenica 27 maggio e ospiterà 300 tra i migliori maestri dell’arte su pelle che giungeranno da ogni parte del mondo per sfidarsi a colpi di creazioni live in entusiasmanti contest presentati da Emis Gallo sulle note del dj Frank Carpentieri (per info http://www.tattoonapoliexpo.it).

LA CULTURA DEL TATUAGGIO. Un appuntamento atteso sia da coloro che hanno già il corpo segnato da opere d’arte su inchiostro, sia per i numerosi curiosi che vogliono avvicinarsi a questo mondo. Il Tattoo Fest, infatti, punta sempre ad un approccio culturale al tatuaggio, osservando tutti i vincoli igienico-sanitari, valorizzando le opere degli artisti tatuatori.

ARTISTI DI FAMA MONDIALE. Durante questa tre giorni gli oltre 10 mila visitatori che annualmente riempiono il polo fieristico di Fuorigrotta potranno curiosare tra gli stand che, in piccolo, riproducono gli studi degli acclamati artisti. Tra i tanti ci saranno Kasala Sanele (Australia), Matatiki (Samoa), Big Meas (USA), Thomas Carlijarlier (Francia), Matteo Pasqualin (Italia), Samuele Briganti (Italia), El Bara (Spagna), Murilo (Brasile) e molti altri provenienti anche dalla Polynesia, Russia, Argentina e da tutta Europa.

TANTA MUSICA. Il filo conduttore sarà la musica. Casse ad alto volume venerdì dalle 13 per l’aperitif party nel Giardino dei Cedri, all’esterno del padiglione, con i dj set di Pj Jonson e Ggno, Marco Corvino, Hollen e dalle 21 la live performance di Dario Rossi. Una giornata condita anche dalla comicità di Mino Abbacuccio di Made in Sud con il suo personaggio “il tatuatore Sbaglio”.

FREESTYLE E GRAFFITI. Sabato è il momento di Back to the Style che in collaborazione con Let’s groove coordinerà all’interno della convention un battle di breaking 2 contro 2, gara alla quale chiunque può iscriversi. In contemporanea Mr.Pencil e Zeus40 saranno impegnati nella creazione di un gigante graffito durante l’evento. Il tutto condito dalla musica degli X35, dj Uncino, Max Bucci e Oyoshe. Dalle 20 gli attesissimi contest con la sfilata dei migliori tattoo realizzati durante la giornata.

GRAN FINALE. La giornata conclusiva sarà condita ancora da buona musica con i The Steel, Hard Rock band napoletana, ed il contest che decreterà i tatuaggi vincitori di questa edizione. Per tutta la durata del festival il Gablis Circus metterà in mostra la propria arte tra pole dance e performance su tessuti aerei e cerchi.

ALTRE INIZIATIVE. Non mancheranno come di consueto i laboratori dedicati ai più piccoli tra colori, body e face painting. Tanta musica nel Giardino dei Cedri a cura di Radio Capri, dove saranno presenti numerosi stand e apecar con prodotti della tradizione partenopea e non solo. La convention, inoltre, sarà anche una occasione per sensibilizzare i partecipanti al sociale. Saranno presenti, infatti, le associazioni “Scarpetta rossa” e “Fondazione Telethon” con dei gazebi per presentare le loro iniziative benefiche, e sarà possibile partecipare alla raccolta fondi per poter acquistare un macchinario terapeutico per Alessandro Di Mauro, un giovane tetraplegico (info su http://www.facebook.com/donate/1004944469653095).

Biglietti su http://www.tattoonapoliexpo.mytickets.it

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Partono i Casting per V#ashtag: Il nuovo varietà comico di GT Channel

CASTING GT CHANNEL

Un doppio appuntamento all’insegna dei provini: Venerdì 11 Maggio dalle ore 10.30 alle 13.30 e Sabato 12 Maggio dalle ore 10.30 alle 16.30, presso gli Studi televisivi di GT Channel, siti in Via Carlo De Marco 24 M, Napoli, si terranno i casting volti alla ricerca di nuovi talenti del mondo dello spettacolo comico e dell’intrattenimento, da inserire nel nuovo nuovo esilarante format televisivo, “V#ashtag”.

Nato da un’idea di Antonio Florio, regia di Mario Albano, scritto da Michele Caputo, attore ed autore comico partenopeo e Ciro Villano, regista, attore e sceneggiatore napoletano, il programma d’intrattenimento, sarà trasmesso sui canali del digitale terrestre GT Channel, Televomero e Canale Italia. Un varietà realizzato e girato  interamente a Napoli, ambientato in un classico “basso napoletano” in cui si susseguiranno una serie di episodi comici, in cui i protagonisti Ciro Villano e Michele Caputo, due napoletani disoccupati saranno alle prese con una serie di missioni segrete per riportare in auge,  la supremazia della città di Napoli su Milano, conquistare quindi e sottomettere la città di Milano per il popolo napoletano. Il basso, altamente tecnologico e militarizzato, rappresenterà il covo di una  “setta segreta” di napoletani che tenteranno la conquista del Nord Italia.

Immancabile la presenza femminile, affidata alla showgirl e attrice Emanuela Tittocchia, che interpreterà il ruolo di una ragazza piemontese solo all’anagrafe ma terrona dentro, che li aiuterà in questa ardua impresa.

Nei diversi episodi si alterneranno diversi personaggi regionali e nazionali, del mondo dello spettacolo, della musica e della cultura.

Un varietà pensato e strutturato per l’intrattenimento delle più ampie fasce di età del pubblico, un genere di spettacolo leggero, di ascendenza teatrale, misto di prosa, musica e scenette umoristiche ispirate all’attualità genuina e ai tradizionali clichè patriottici-sentimentali, uniti da un tenue filo conduttore e dalla presenza di personaggi fissi.

La coppia comica Caputo-Villano porterà in scena una comicità sanguigna, espressiva e irriverente. Entrambi interpretano il ruolo dei ragazzacci, dei provocatori, di coloro che vogliono riscattarsi e lo faranno con grande coinvolgimento e ilarità, utilizzando la parodia impertinente, la satira dei programmi e delle personalità, della battuta spesso a doppio senso, delle allusioni non troppo velate a uomini politici, fino ad assumere un umorismo trascinante e polemico che ha in sé la forza della spontaneità: tutti questi ingredienti saranno la garanzia di uno straordinario ed esilarante varietà.

 

Credits:

 

Da un’idea di Antonio Florio

 

Autori : Michele Caputo – Ciro Villano

 

Regia : Mario Albano

 

Direttore di Produzione : Antonio Florio

 

Montaggio :  Antonio Anatrella

 

Scenografia : “Davide & Delehaye   Scenic Art”

 

Fotografo di scena  :  Luca Petric

 

Appuntamento: – Venerdì 11 Maggio dalle ore 10.30 alle 13.30 e Sabato 12 Maggio dalle ore 10.30 alle 16.30, presso gli Studi televisivi di Gt Channel, siti in Via Carlo De Marco 24 M, Napoli. – Per l’Iscrizione da effettuarsi tramite Whatsapp, contattare il numero della Produzione 3275331361

 

Contrassegnato da tag , , , , , , ,

Miti e leggende di Napoli: gli alunni dell’Istituto Alberghiero “Rossini” in visita all’Archivio Storico

Una rappresentanza degli alunni dell’Istituto “Gioacchino Rossini” di Napoli nei giorni scorsi ha fatto visita all’Archivio Storico, premium bar e ristorante ubicato a via Scarlatti. La tappa fa parte del progetto” Napoli e i Campi flegrei tra miti, misteri e leggende” che prevede la realizzazione di una brochure e di filmati a carattere informativo e descrittivo sulle leggende popolari e gastronomiche della città di Napoli e dell’area dei Campi Flegrei, e la presentazione di una ricetta tradotta nelle diverse lingue studiate. L’obiettivo del progetto consiste nel favorire il sentimento di appartenenza alla cultura del proprio territorio e nello sviluppo della coscienza dell’identità, innalzando, nel contempo, le competenze linguistiche e comunicative. Così gli alunni in questi mesi stanno apprendendo diversi miti, misteri e leggende del territorio di Napoli e dei Campi Flegrei, sia attraverso la lettura di testi appositamente selezionati, sia attraverso uscite didattiche: tra queste quella all’Archivio Storico, ove il patron del locale, Luca Iannuzzi, ha illustrato loro la Napoli del Settecento (quando governavano i Borbone), quella dell’Ottocento (quando Napoli faceva parte del Regno d’Italia governato dai Savoia) e la cucina caratteristica di questi due secoli. Perché non si può capire la cucina contemporanea se non se ne conoscono le tradizioni.

Il locale di via Scarlatti si conferma dunque come nuovo luogo di incontro, unico nel suo genere per stile e cura dei particolari. Il Trionfo di Don Carlo di Borbone nella battaglia di Gaeta contro gli Austriaci compare in un quadro di 3 metri di altezza, porta scorrevole che conduce in uno straordinario caveau, dove le cinque sale principali sono dedicate ai cinque re (e alle rispettive regine) che hanno reso fulgido il Regno delle Due Sicilie: Carlo, Ferdinando I, Francesco I, Ferdinando II e Francesco II. Fanno poi capolino le immagini dell’ultimo pretendente al trono delle Due Sicilie, l’erede legittimo, Sua Altezza Reale il Principe Carlo di Borbone, Duca di Castro e Gran Maestro di tutti gli Ordini Dinastici. Nelle cucine del ristorante vengono preparati piatti raffinati recuperati dai ricettari dell’epoca dei Borbone – scritti dai Monzù (così un tempo venivano definiti i grandi cuochi che arrivavano a Napoli da Parigi per rendere gourmet la cucina popolare) – e che oggi vengono reinterpretati da Luca Iannuzzi, coadiuvato da uno staff d’eccezione.

Contrassegnato da tag , , , ,

Tappa finale de La più Bella d’Italia a Villa Domi

Domenica 25 marzo, ore 19, presso la straordinaria location di Villa Domi, residenza del patron Domenico Contessa, ci sarà la finale regionale campana de La Bella d’italia.
In passerella le finaliste della Campania alle quali spetterà il compito di portare alla kermesse conclusiva di Ovindoli i colori territoriali.
Si preannuncia una serata fashion all’insegna dello charme e dello stile, oltre che ovviamente della bellezza.
Il party-moda, al quale interverranno numerosi esponenti dello spettacolo e molti giornalisti e photoreporter, fotografi e teleoperatori, blogger ed influencer, vedrà in passerella anche le finaliste per le nazionali. La prima classificata della tappa di diritto accederà alla finale nazionale programmata appunto ad Ovindoli e, come precisato dallo stesso Orefice, “saranno ben 8 ragazze a rappresentare la Campania in italia”.
La finale regionale della Bella d’italia conclude un seguito tour invernale connotati da un’ampia partecipazione di valide e stupende concorrenti, determinate a vincere.
Sfileranno le vincitrici delle precedenti tappe, complice il panorama sulla città che connota la splendida residenza nobiliare situata giusto in cima alla Salita dello Scudillo, nella zona alta della città.
Una destinazione prediletta per questo tipo di manifestazioni, nelle quali la spettacolarità del luogo ed in particolare della struttura con i bei saloni e l’ampio e suggestivo parco illuminato dai fanali retro e dalla luce delle stelle, complici di immagini di grande intensità e di autentico romanticismo.
Insomma, una serata incantata, per una serie di ambasciatrici della bellezza del Sud.
L’attesa manifestazione di Villa Domi è ancora una volta firmata da Gennaro Orefice, riconfermato puntualmente quale responsabile regionale della kermesse
da 18 anni. Orefice, inoltre, da 30 anni è il fotografo esclusivista nazionale, cioè l’unico ad essere accreditato con tutta la sua equipe alla finalissima italiana.
Sono due le sessione del concorso: quella invernale e quella estiva ed “è unico nel suo genere”, come dichiarato dallo stesso Gennaro Orefice.
Quest’anno è toccato alla accogliente cittadina di Ovindoli di essere scelta quale meta per la prossima finale invernale 2018 del concorso nazionale promosso dalla Alca Eventi. Dal 4 al 7 aprile si sfideranno nel caratteristico centro abruzzese circa 100 ragazze in rappresentanza di tutte le regioni italiane.


La Bella d’Italia per ricevere il titolo desiderato da tante, dovrà dare prova di possedere specifiche competenze e predisposizione per entrare a giusto titolo nel mondo della moda e dello spettacolo, così da meritare l’ambita fascia di Miss con relativo trofeo oltre agli immancabili premi in palio, gentilmente offerti dagli sponsor.
A fine aprile inizierà il tour estivo che si concluderà nella seconda settimana di settembre con l’attesa finalissima programmata al Santa Caterina Village di Scalea.
L’ immagine della Bella d’Italia in campania è curata dall’agenzia fotografica Fashion Models, guidata da Gennaro Orefice in collaborazione con la moglie Anna Delle Donne, supportati da uno staff che racchiude diverse professionalità. In particolare, l’agenzia di Orefice si avvale della collaborazione di numerosi partner campani, importanti brand di rilievo che sostengono il concorso per l’intero arco dell’anno. In prima linea: Tcd Group, abbigliamento professionale da lavoro; arturo amoroso Chirurgia plastica; Mary Moto, Napoli; Capri Mare Swatch; Vieffe, azienda leader nei fotovoltaici; Tenuta Ippocrate, isola del benessere per la vino terapia; Villa Domi, antica e panoramica residenza per eventi, a Napoli; Eurograf azienda leader nel digitale e stampe, ed ancora tanti altri. Presenza di spicco per le acconciature: l’international Hair stylist Claudio De Martino, pluririconfermato art director che anche quest’anno curerà le acconciature delle aspiranti miss con l’indiscussa professionalità e competenza che ne hanno fatto un talento noto in Italia quanto in Nord America.
A Ileana Mandile, nota Make up artist, è affidata la valorizzazione dei volti delle bellissime concorrenti che parteciperanno alla finale regionale campana in calendario il 25 marzo a Villa Domi.
Nelle singole tappe, si aggiungono tanti altri partner; quelli campani, oltre a sponsorizzare la manifestazione, garantiscono l’inserimento delle finaliste regionali nelle loro campagne pubblicitarie, in spot, video, cataloghi, sfilate, prestazioni hostess e ruoli di ragazza immagine, ecc.
in tal modo saranno assicurate alle ragazze de La Bella d’Italia occasioni lavorative in vari settori elettivi e visibilità diffusa.
Vanno ad aggiungersi a queste opportunità i tanti premi in palio per le prime classificate, forniti dagli sponsor nazionali e da quelli di ciascuna regione.
Oltre 100 per ora le partecipanti al tour estivo si sono nel frattempo iscritte La finale regionale per la Campania si svolgerà a Minori, tra le perle della Costiera Amalfitana, meta ambita per questo tipo di manifestazioni.
La partecipazione al concorso è gratuita e riservata a ragazze di età compresa tra i 14 e i 27 anni.

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

Percorsi sensoriali e workshop gustolfattivi per l’evento sul benessere globale di My Emotion Life

Una mattinata all’insegna delle esperienze sensoriali dal gustolfattivo al visivo-uditivo per il workshop “In viaggio verso l’umanitá” l’evento solidale organizzato dall’Associazione culturale My Emotion Life dei fratelli Stefania e Giampiero Guarracino con la straordinaria partecipazione dell’attrice e formatrice Maria Bolignano e l’artista, editore e naturopata Luigi Di Vaia, tenutosi nella suggestiva location del palazzo reale di Napoli.

Durante il workshop moderato da Marco Lo Conte, giornalista de Il Sole 24 ore, sono stati esaminati gli strumenti che ognuno di noi possiede, utili ad instaurare una interazione audio/visiva/olfattiva/gustativa e percettiva per il raggiungimento di un benessere psico-fisico globale.

Il pubblico presente in sala ha potuto gustare e percepire attraverso il kit fornito dall’Associazione My Emotion Life, un’emozione unica che ha coinvolto i 5 sensi a 360°. Il frutto del workshop è stato quindi una performance dinamica e percettiva che ha riportato nel suo insieme, anche le identità del gruppo di lavoro dell’Associazione My Emotion Life, formata dai fratelli Stefania e Giampiero Guarracino e il naturopata Luigi Di Vaia, fondatori del metodo “Guarvai”, che da anni si impegnano nel raggiungimento del benessere globale, in cui ogni partecipante è stato invitato a interfacciarsi con il proprio “io” e il gruppo, in una catena creativa direttamente consequenziale.

“ La percezione della realtà è sempre e solo soggettiva: ognuno di noi percepisce e ricorda la parte della realtà più aderente ai suoi sensi – ha dichiarato Stefania Guarracino, docente e formatrice di My Emotion Life -, il cervello percepisce la realtà oggettiva, attraverso i 5 sensi, connessi in differenti canali sensoriali che trasmettono il flusso informativo proveniente dall’ambiente esterno verso l’interno con sistemi a differente intensità e modulazione, in maniera tale da poter mediare il rapporto fra mondo interno e mondo esterno. I sensi ci permettono dunque l’interpretazione immediata del mondo esterno e integrano la realtà nel nostro mondo interno utilizzando, amplificando, rimaneggiando, generalizzando e perfino cancellando nuove informazioni. Noi dobbiamo superare i nostri limiti, liberarci da essi, far emergere la nostra creatività e perché no anche il bambino che c’è in ognuno di noi.”

Durante l’evento è stato rappresentato il monologo “Pare brutto“ tratto dall’opera “In viaggio verso l’umanità”, scritto a quattro mani da Stefania e Giampiero Guarracino docente e formatrice la prima, architetto e naturopata il secondo, accomunati dalla stessa passione per il benessere di mente e corpo. Un monologo, una riflessione illuminata sulla sottile sottomissione alle regole del sig. Pare Brutto che in modo silente penetra in tutte le dinamiche sociali creando i presupposti per episodi che possono trasformarsi in vere e proprie tragedie, anteponendo la forma all’attenzione dell’unica cosa che conta realmente: la nostra vita. Prefazione di Maria Bolignano, accompagnata nella performance dai suoi allievi dell’Accademia del teatro Cilea.

A conclusione del workshop sensoriale, una straordinaria visita guidata sensoriale con cuffie e aroma terapia, degli appartamenti, dell’Ambulacro e del teatrino del Palazzo Reale accompagnati dalle eccellenti guide che hanno fornito un’esaustiva ed emozionante ricostruzione storica di quei magici luoghi.

Il ricavato dell’evento è stato devoluto a favore di progetti di prevenzione e messa in sicurezza delle scuole.

Photo Credits Angela Acanfora
Contrassegnato da tag , , , , , , , , , , , , , , ,
Annunci