Archivi tag: sant’antonio abate

PRIMAVERA A VILLA CUOMO: Alla riscoperta di un bene archeologico


Sabato 27 maggio 2017, a partire dalle ore 10:00, a Sant’Antonio Abate, presso il sito archeologico di Villa Cuomo, aperto in via eccezionale, avrà luogo l’evento “Primavera a Villa Cuomo”.

La data scelta per l’evento non è un caso: fu infatti il 27 maggio del 1974 che Carlo Cuomo, in seguito ad un forte temporale, scoprì all’interno della sua proprietà segni di antiche strutture. Dopo la scoperta, Carlo Cuomo contattò la Soprintendenza per avere il permesso per portare avanti, a proprie spese, dei lavori di scavo. 

Fu dunque grazie ai fondi messi a disposizione da Carlo Cuomo che il sito archeologico, sepoloto – al pari di Pompei ed Ercolano – dall’eruzione del Vesuvio del 79 d.C., fu in parte portato alla luce, anche grazie alla collaborazione di Gabriele Cesarano e Giuliano Vernassi.
Articolata su due livelli, la villa risalirebbe al I sec. a.C. Gli ambienti di servizio rivelano che si tratta di una villa rustica, una sorta di “fattoria dellantichità”.

Fra i reperti più interessanti ci sono una vanga in bronzo, frammenti di affreschi con rappresentazioni pastorali (lepri, aquile e uccelli), macine in pietra lavica, una grata in ferro e un cospicuo numero di anfore vinarie. Dalle grandi olle rinvenute (vasi utilizzati per grandi quantità di vino e di olio), nonché dalle analisi chimiche effettuate sui resti dei prodotti, si è compreso che il vino prodotto sulla zona non era diverso da quello tradizionalmente chiamato vino di Lettere. Questo lo differenzia dalla qualità, normalmente molto pesante dei vini prodotti nelle zone limitrofe, che venivano consumati dopo abbondanti diluizioni con acqua potabile, come è documentato da molti affreschi pompeiani. La grande quantità dell’instrumentum domesticum rinvenuto, tra cui molti attrezzi agricoli, oltre al rinvenimento di due scheletri, farebbe ipotizzare al momento dell’eruzione una normale attività lavorativa in corso.
L’Amministrazione Varone vuole, con questo evento, mettere in luce le potenzialità delle risorse del territorio abatese, in primis quelle culturali.
“Mi sono resa conto – ha affermato l’Assessore alla Cultura Anna Iolanda D’Antuono – che questo sito è sconosciuto a tanti e soprattutto alla maggior parte degli abatesi. Dopo la messa in sicurezza da parte della Soprintendenza di Pompei avvenuta molti anni fa, la villa è stata lasciata a sè stessa ed è inghiottita dalla vegetazione. Oggi questo sito è passato sotto la giurisdizione della Soprintendenza dei beni archeologici e belle arti della città metropolitana di Napoli e ringrazio la Soprintendente Adele Campanelli che, in seguito alle mie insistenze, ha affidato il caso al Dott. Mario Cesarano che, essendo rimasto affascinato dalla bellezza di questa villa rustica, si è messo subito all’opera per riportarla agli onori della gloria. È con grande soddisfazione finalmente che colgo l’occasione di restituire la propria storia ai legittimi proprietari nel 43° anniversario dell’inizio degli scavi da parte del prof. Carlo Cuomo, ex proprietario. Naturalmente i grandi risultati si raggiungono sempre quando c’è collaborazione, ed io per l’occasione ne ho trovata tanta, mista all’entusiasmo di mettere piede in un luogo di alto valore culturale. Perciò ringrazio il movimento associativo Agorà Abatese, le associazioni CamCampania, Libera…mente, l’Associazione Enigma, la Protezione Civile, il Forum dei giovani, il Liceo E. Pascal (sede distaccata di Sant’Antonio Abate), l’Istituto IPIA Ferrari di Castellammare di Stabia ed il Centro Sociale Anziani. Spero che questa iniziativa rappresenti solo l’alba di tanti progetti che si potranno realizzare e che questo sito abbia il giusto riconoscimento così come è avvenuto pochi giorni fa per la villa rustica di Ponticelli.”
IL PROGRAMMA:

Ore 10:00 – 12:30: Villa Cuomo accoglie i “piccoli visitatori” del Liceo Scientifico E. Pascal con laboratori didattici a cura delle Associazioni CamCampania e Formazioni Creative e con visite guidate a cura del Movimento Associativo Agorà Abatese.

Ore 17:00: Esibizione corale del Centro Sociale Anziani di Sant’Antonio Abate.
Saluti dell’Amministrazione.

Presentazione della ristampa anastatica del libro “La Villa Rustica di S. Antonio Abate da me dissepolta” di Carlo Cuomo.

Ore 18:00 – 19:00: Visita guidata a cura del Liceo E. Pascal; Villa Cuomo apre le sue porte all’intera cittadinanza.

Contrassegnato da tag , ,

Prelibatezze Enogastromiche a Divin Castagne: Ecco il Menù

Dal 28 al 31 ottobre il centro di S. Antonio Abate sarà trasformato in un grande ristorante all’aperto in occasione del “Divin Castagne”, evento che da sei anni contribuisce a valorizzare la Campania, attraverso un percorso che vede protagonisti i prodotti nostrani (ad es. il fagiolo Mustacciello, la patata Ricciona, il pomodoro San Marzano, il carciofo violetto, i funghi chiodini e porcini) e le tradizioni regionali (con particolare attenzione alla musica). La kermesse è organizzata dall’associazione “Napoli è”, patrocinata dal Comune di S. Antonio Abate, e realizzata grazie alla collaborazione con Slow Food. 


Il menù

Per la sesta edizione, l’organizzazione ha ampliato la propria offerta enogastronomica: il menù comprenderà ben 4 primi, 4 secondi, 6 dolci e 6 postazioni di vino e caldarroste. Inoltre, un’interessante novità riguarderà la possibilità di degustare panini gourmet. Anche la Corte dei Vini avrà un più ampio spazio dedicato: cuochi e sommelier faranno da guida in un’esperienza degustativa unica, che porterà i presenti alla scoperta di una grande varietà di vini, accompagnati da particolari finger food. L’idea è quella di convogliare in un’unica location i buonissimi piatti provenienti da ogni parte della Campania e avere a portata di forchetta, o mano che dir si voglia, la qualità e la varietà dello street food incontrato e assaporato per le vie di Napoli. Gli stand saranno aperti dalle ore 19:30 fino a tarda serata.

Percorso di degustazione del vino “La Corte dei Vini” 

Piazza don Mosè Mascolo sarà trasformata in un’enoteca a cielo aperto comprendente una selezione di 30 aziende vinicole che proporranno le proprie eccellenze con l’ausilio di sommelier qualificati, che avranno il compito di esplicare agli avventori le proprietà organolettiche e le qualità gustative di ogni singolo vino. Parallelamente saranno svolti show cooking che permetteranno agli avventori di assaggiare prelibati finger food sorseggiando ottimo vino.

Percorso enogastronomico “La via del Gusto” 


Via Scafati sarà per quattro giorni trasformata in una “Via del Gusto” comprendente 5 aree cucina, dove cuochi professionisti prepareranno 4 primi piatti , 4 secondi piatti e diverse tipologie di panino gourmet. Saranno presenti anche 6 postazioni pasticceria, 6 postazioni vino e 6 di caldarroste.

Farà da cornice all’evento, un programma di intrattenimento ricco e differenziato: musica da strada, con numerose esibizioni in contemporanea che abbracceranno tutti i generi, con gli artisti chiamati per l’occasione ad abbandonare i canonici grandi palchi e scendere per strada. Il 28 ottobre si esibiranno i “FOJA”. Il 29 ottobre si svolgerà il live concert dei “Medina Group”. La serata del 30 ottobre si aprirà con la “Paranza Divin Castagne” (creata appositamente per l’evento Divin Castagne 2016) formata da Gerardo Amarante, Salvatore Di Vivo, Simone Carotenuto, Domenico Falciano, Biagino De Prisco. Il 31 ottobre sarà protagonista radio Kiss Kiss Napoli con lo spettacolo live dei “Tappi”.

Contrassegnato da tag , , , , ,

XX FIERA CITTÀ DI SANT’ANTONIO ABATE E XXXVII SAGRA DELLA PORCHETTA

  

Grandi festeggiamenti a Sant’Antonio Abate (NA), anche dopo l’Epifania,
che in occasione della festa dedicata al Santo Patrono, si festeggerà per ben due settimane.
Quest’anno dal 15 al 24 gennaio, in Via Lettere, con un ricco programma di spettacoli, un’area espositiva, un’area dedicata all’enogastronomia e alle tipicità locali, ed una dedicata agli spettacoli. Gli orari: dal lunedì al sabato dalle 16:00 alle 22:00; la domenica dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 22:00.
Anche le strade circostanti saranno animate, per tutto il periodo della fiera, da mercatini e postazioni per lo street food. La storia dello street food affonda le sue radici nella cultura napoletana, talmente radicata da concretizzarsi nei vicoli e nelle piazze colorando ogni angolo: quest’anno gli organizzatori della fiera (Be Bang Srls) hanno deciso di mettere in risalto questa filosofia di vita creando un marchio ad hoc per la manifestazione.

Non poteva mancare, ad inaugurare l’evento, un personaggio noto a Sant’Antonio Abate e non solo grazie anche agli episodi del famoso programma televisivo Real Time “Il Boss delle cerimonie”: Antonio Polese, accompagnato dal suo fidato staff.
L’ingresso alla fiera è gratuito!


IL SANTO

Antonio Abate è uno dei più illustri eremiti della storia della Chiesa. Nato a Coma, nel cuore dell’Egitto, intorno al 250, a vent’anni abbandonò ogni cosa per vivere dapprima in una plaga deserta e poi sulle rive del Mar Rosso, dove condusse vita anacoretica per più di 80 anni: morì, infatti, ultracentenario, nel 356. Già in vita accorrevano da lui, attratti dalla fama di santità, pellegrini e bisognosi di tutto l’Oriente. Anche Costantino e i suoi figli ne cercarono il consiglio. La sua vicenda è raccontata da un discepolo, Sant’Atanasio, che contribuì a farne conoscere l’esempio in tutta la Chiesa. Per due volte lasciò il suo romitaggio. La prima per confortare i cristiani di Alessandria perseguitati da Massimino Daia. La seconda, su invito di Atanasio, per esortarli alla fedeltà verso il Conciliio di Nicea. Nell’iconografia è raffigurato circondato da donne procaci (simbolo delle tentazioni) o da animali domestici (come il maiale), di cui è popolare protettore. Sant’Antonio Abate è anche il patrono di alcune località italiane, che in suo nome organizzano importanti feste, nelle quali gli animali sono sempre protagonisti. Classicamente le icone hanno sempre rappresentato il Santo in compagnia di un maiale con una campanella al collo, da qui la tradizione di benedire inizialmente solo i maiali, che con il passare del tempo poi si è allargata a tutti gli animali domestici.

LA TRADIZIONE

In origine, i festeggiamenti in onore del Santo (che da secoli secondo la tradizione ha il potere di guarire e proteggere dalle malattie) erano legati in particolare alla fiera e benedizione degli animali. Altro elemento a cui il Sant’Antonio è associato è il fuoco: alla vigilia della festa del Santo è di tradizione l’accensione del cippo, un colossale fuoco alimentato da rami d’ulivo nel quale tutti i fedeli sono tenuti a lanciare bigliettini contenenti peccati da ardere nel fuoco, attorno al quale si balla e si intonano canti della tradizione popolare locale (in particolare letammurriate). L’apice delle celebrazioni si raggiunge il 17 gennaio, giorno dedicato appunto alla memoria del Santo, durante il quale le strade si popolano di venditori ambulanti e l’affluenza alla sagra e alla fiera campionaria diventa massima. Suggestivo anche il rito della benedizione degli animali domestici da parte dei parroci. Durante la giornata, poi, ha luogo la grande processione religiosa in onore di Sant’Antonio.

  

IL PROGRAMMA (PRIMA SERATA > SPETTACOLO):

VENERDI’ 15
Inaugurazione con “Il Boss delle cerimonie” (Don Antonio, Matteo, Davide, Ferdinando).
Studio di Danza Lady Mary presenta “STELLE NASCENTI”.
SABATO 16
Spettacolo itinerante in strada. Ospite della serata: Giovanni Rana. A seguire “La Paranza Popolare”.
DOMENICA 17
Serata Danzante “Ballo Liscio in Fiera” ed esibizione della band OVG.
LUNEDI’ 18
Serata Musicale a cura del coro “Enrico Forzati”. A seguire Gerardo Amarante e gli SPACCAPAESE.
MARTEDI’ 19
Convegno Donazione Organi . Esibizioni: Gigi e Ross – Gino Fastidio.
MERCOLEDI’ 20
Teòria – Tommaso Primo in “Fate, Sirene e Samurai” live tour.
GIOVEDI’ 21
Serata Musicale a cura del coro “Mosè Mascolo” – Tony Tammaro e la sua band.
VENERDI’ 22
“Progetto Musica” a cura dell’istituto De Curtis – La Maschera in “O vicolo e’ l’alleria” live tour.
SABATO 23
Esibizione dei ragazzi di “Io Canto” e “Ti Lascio una Canzone” – Serata Begital: Gli Atleti.
DOMENICA 24
Intrattenimento a cura del Coro del Centro Anziani – Karaoke con Radio Stereo 5.
 

INFO
:
XX FIERA CITTÀ DI SANT’ANTONIO ABATE E XXXVII SAGRA DELLA PORCHETTA
Via Lettere, 80057 Sant’Antonio Abate (NA)
Gli orari: dal lunedì al sabato dalle 16:00 alle 22:00; la domenica dalle 10:00 alle 13:00 e dalle 16:00 alle 22:00.
Ingresso gratuito.
E-mail: info@fierabatese.it Web: http://www.fierabatese.it Tel: 333 90 43 960
Fb: Fiera Sant’Antonio Abate e Sagra della porchetta
https://www.facebook.com/Fiera-SantAntonio-Abate-e-Sagra-della-porchetta-1576650272552529/?fref=ts
Media Partner: CamCampania – http://www.camcampania.it

 

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,