Pino Mauro & Friends: Napoli canta…è amore!


 Grande spazio alla musica partenopea con con appuntamento il 2 febbraio 2017, al teatro Augusteo, dove per l’ occasione sarà presentato il nuovo progetto discografico nato dalla volontà di tanti artisti napoletani di voler rendere omaggio al maestro Pino Mauro che lo accompagneranno in un concerto straordinario duettando con lui.

Sul palco: Enzo Gragnaniello, Raiz, Fausto Mesolella, Mauro Gioia, Franco Ricciardi, M’Barka Ben Taleb, Barbara Buonaiuto, Osanna, Lucariello, Uanema Orchestra, Cristian Vollaro, Nello Viviani, Piero Gallo, Daniele Sepe, Marco Zurzolo e Toni Cercola.
L’arrangiamento ed il coordinamento musicale dei brani è a cura di Massimo Volpe, già arrangiatore dell’ Orchestra Italiana di Renzo Arbore. La produzione è di Bronx Film e Tunnel Produzioni.

I brani scelti propongono una rivisitazione, in una chiave moderna, di dodici brani del suo vasto repertorio: alcune canzoni di “cronaca”, alcuni suoi grandi successi come “Ammore Amaro” e “Nun t’aggia perdere” e alcune canzoni d’amore, tra cui Vasame di Enzo Gragnaniello.
“Napoli canta… è amore!” è una lente di ingrandimento su un periodo storico e su una produzione culturale, che racconta un universo; parlare oggi di Pino Mauro significa, non soltanto parlare di un grande artista, ma anche sfogliare tanti anni di storia e costume: quando i teatri popolari funzionavano dalla mattina con spettacoli, avanspettacoli e canzoni, quando il “Giro Mike” portava al Madison Square Garden di New York la tradizione musicale italiana per gli emigranti, quando il maestro Mauro ha generato una vera e propria rinascita della sceneggiata, assicurandosi sempre di un alto livello delle composizioni musicali.

Contrassegnato da tag , , , ,

Al via i lavori per la stazione Napoli-Afragola, già definita una delle opere più belle del 2017 

Inizieranno il mese di Ottobre, i lavori per il  progetto della nuova stazione AV Napoli-Afragola che sarà la più bella d’Italia e la cui apertura è prevista per giugno 2017.
Ancora prima di essere inaugurata ha già raggiunto un primato: per la CNN, la emittente satellitare statunitense visibile in tutto il mondo, l’apertura della stazione Napoli-Afragola sarà tra le inaugurazioni più attese dell’anno, per architettura e innovazione ed una tra le opere più belle del 2017.

Nell’articolo sulle costruzione più attese nel mondo nel 2017, la giornalista della CNN, Kate Springer ha descritto la stazione in maniera entusiastica aprendo l’articolo con le foto della nuova opera e dicendo che “ La stazione ferroviaria dell’architetto Zaha Hadid ‘Napoli-Afragola alta velocità è destinata a ridefinire i viaggi in treno, almeno stilisticamente, con la sua facciata bianca scultorea che assomiglia a un serpente.”.
L’inaugurazione della stazione che è già stata definita “la più bella d’Italia” è prevista per il prossimo giugno ed è effettivamente molto bella e sembra realmente un serpente poggiato sui binari. La bella stazione sarà una grande galleria passeggeri di 350 metri posta sopra i binari collegando così le varie banchine ed avrà vetrata di oltre 5000 mq per filtrare i raggi del sole.

 La stazione Tav sarà il primo nodo di interscambio ferro/gomma della linea Roma-Napoli-Salerno e del nuovo tratto in costruzione della Alta Capacità Napoli-Benevento-Bari e sarà il più importante snodo ferroviario del Sud Italia accogliendo anche i treni del trasporto pubblico locale.

Contrassegnato da tag , , , , ,

Giorgia&Johns: Colori caldi del deserto per la nuova collezione p/e 2017 

Colori caldi e soavi e leggerezza dei tessuti, questo il mood della nuova collezione Primavera Estate 2017 Giorgia & Johns. Una collezione pensata per una donna ironica dallo stile contemporaneo, dinamica e con una forte identità, grintosa e sicura di sé. Una donna sempre in movimento tra gli impegni di lavoro e le serate con gli amici, che ama viaggiare e vuole vivere ogni giorno con stile e personalità.

Un total look che non lascia nulla al caso: suggestioni africane, colori intensi e motivi floreali in cui i toni caldi e terrosi si mescolano a motivi geometrici e floreali in un sapiente gioco di contrasti mentre l’alternanza di tessuti di cotone, lino e tinti capo, generano seducenti alternanze di luci e ombre. 

Design ricercato e stile originale, ricco di sovrapposizioni e accostamenti di materiali diversi. Infine la linea Accessori, una linea completa di borse, cinture, foulard e scarpe per soddisfare l’esigenza di total look della donna contemporanea.

La donna Giorgia & Johns è stata interpretata dalla modella ucraina Tanya Sidorenko, che ha gi òavorato con brand internazionali e con le principali testate di moda, la cui bellezza è stata esaltata dal fotografo bolognese Federico Barbieri, già conosciuto nel panorama del fashion photography con i suoi scatti per riviste di moda come L’Officiel e Marie Claire.

La vendita è affidata agli store Giorgia & Johns di tutta Italia ed allo store online http://www.giorgiaejohns.it

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

Mister Felicità: Alessandro Siani presenta la sua nuova commedia di “rinascita emotiva”

mister-felicita-by-angela-acanfora-photographer-6787Una favola per chi ama i lieti fini e i suoi film- queste le parole di Alessandro Siani che ha presentato in esclusiva alla stampa locale, la sua nuova commedia “Mister Felicità”. Un cast d’eccezione con Diego Abatantuono, Carla Signoris, Elena Cucci, Yari Gugliucci, Cristiana dell’Anna, ha reso il film ancora più coinvolgente e divertente. “Sono stato davvero felice di avere tutti questi grandi attori nel mio film, da Diego Abatantuono dal quale ho appreso sul set delle lezioni di cinema, un attore profondo, ma anche un grande improvvisatore, Carla Signoris, grandissima fuoriclasse, Elena Cucci, una mancata pattinatrice e un’attrice centrata, Yari Gugliucci, un attore molto generoso e infine Cristiana dell’Anna, la mia scoperta comica più grande, e tutti insieme mi hanno reso un Mister.”

Nel film ambientato per lo più in provincia di Bolzano e Südtirol, non sono mancati i riferimenti a Napoli, che caratterizza i film sianiani. «Napoli non è più una cartolina sporca e piena di polvere, – aggiunge Siani- buttata in un cestino, il nostro Sindaco Luigi De Magistris ha fatto un ottimo lavoro che spesso mi auguravo anch’io, ovvero prendere questa cartolina scrivere le frasi”potete venire in questa città” e l’ha spedita in tutto il mondo. Di conseguenza c’è stata una risposta molto forte da parte del turismo e questo ci da la possibilità di far sì che il turismo a Napoli possa sempre migliorare, così come la città in sè.» Ribadisce Siani: «In questo periodo di gran confusione in cui le persone non hanno più fiducia in nessuno non è facile portare gioia nel cuore della gente…ed è questo il compito arduo di Mister Felicità.- Nel film, volevo raccontare la mancanza di ottimismo e la grande rabbia che c’è oggi facendo vedere come l’incontro tra due pessimisti, come Martino e Arianna, possa alla fine far scaturire la felicità”.Un film per le famiglie, quello che io ho sempre desiderato fare. Una cosa non facile, perchè un film diventa una favola quando non si usa il linguaggio quotidiano che è sempre molto più crudo.»

mister-felicita-by-angela-acanfora-photographer-376

Il film che sarà in sala dal 1 gennaio 2017 e  distribuito da 01Distribution, racconta la storia di Martino  De Simone (Siani), giovane napoletano debosciato che vive principalmente in Svizzera ospite della sorella Caterina (Cristiana Dell’Anna).Martino non fa altro che lamentarsi, ma quando un imprevisto costringe all’immobilità la giovane sorella che ha bisogno di costose cure, deve rimboccarsi le maniche attingendo all’innato spirito ‘fai da te’ napoletano. Così l’inetto Martino si ritrova costretto a lavorare al posto della sorella Caterina come uomo delle pulizie della ricca casa-studio del dottor Guglielmo Gioia (Abatantuono), corpulento mental coach specializzato nello spronare l’alta società (atleti, attori e industriali) nel segno di ‘pensa positivo’. Ma fa Martino anche di più, durante l’assenza del dottor Gioia, si finge suo assistente. E, proprio in questa veste, incontra la famosissima campionessa di pattinaggio Arianna Croft (Elena Cucci) che, dopo una brutta caduta sul ghiaccio, non trova più motivazioni per tornare a competere. Nel frattempo i campionati europei di pattinaggio sono alle porte: ce la farà Martino, nell’insolito ruolo di Mister Felicità (questo è il nome che si è dato), a far tornare Arianna, con tanto di madre castrante (Carla Signoris), la campionessa di una volta?

Le musiche del film sono state curate dal grande maestro, pianista e compositore Umberto Scipione.

 

Contrassegnato da tag , , , , , , , , ,

Eugenio Bennato, Enzo Gragnaniello, James Senese: Concerto Natalizio a Olevano sul Tusciano


Si terrà giovedì 29 dicembre a partire dalle ore 19.00, a Olevano sul Tusciano, nel Parco dei Monti Picentini, in provincia di Salerno, il concerto della prima edizione invernale del Nardantuono Festival a chiusura della Saga di Nardantuono, la rappresentazione scenica che si svolge da tredici anni, ispirata alla figura del brigante e ribelle, a cavallo fra mito e realtà, di Antonio Di Nardo detto Nardantuono. 


Sul palcoscenico allestito all’interno del Pala Tusciano, si avvicenderanno gli artisti Enzo Gragnaniello, James Senese e Eugenio Bennato che presenterà l’inedito dal titolo ‘Questa non è una festa’. Il concerto sarà aperto dal gruppo di musica tradizionale Sette Bocche con la partecipazione di Piervito Grisù, Patrizia Spinosi, Michele Bonè e Bruno Salicone. Diretta televisiva su LIRA TV condotta da Andrea Volpe con servizi dalle ore 19.00. La direzione artistica è affidata a Egidio Carbone. L’iniziativa è promossa dall’Assessorato allo Sviluppo e al Turismo della Regione Campania nell’ambito dei progetti del Piano Operativo Complementare 2014-2020 e vede coinvolti i comuni di Acerno, Castiglione del Genovesi, Campagna, Giffoni Sei Casali, Giffoni Valle Piana e Olevano Sul Tusciano in qualità di capofila. Ingresso libero.
 
Nardantuono è un brigante leggendario dei Monti Picentini, sulla cui esistenza le uniche testimonianze sono solo leggende popolari tramandate dagli anziani. Dodici anni fa, lo storico locale Giuseppe Strafella ne trova menzione fra le memorie del canonico Giuseppe Olivieri, che nel 1864 fu rapito e tenuto prigioniero per trentasette giorni. Grazie a questa citazione, Antonio Di Nardo, l’etiope di Montella, detto Nardantuono esce dal mito ed entra nella storia. A lui è dedicata la grotta adiacente alla più famosa Grotta dell’Angelo, nel Comune di Olevano sul Tusciano ai piedi del Monte Raione, dove sarebbe nascosto il suo favoloso tesoro, nella quale avrebbe compiuto gesta straordinarie, come colpire i nemici sparando dall’interno della grotta stessa, o gettare pane caldo ai soldati che tentano di assediarlo e prenderlo per fame e stenti. Una manifestazione volta alla riscoperta della tradizione e della memoria popolare, con in scena tre artisti che, in maniera diversa, portano avanti delle forme di resistenza e lotta culturale. «Non si si tratta di mera conservazione e ripetizione. Non ci può essere innovazione senza tradizione – dichiara il Direttore Artistico Egidio Carbone – In questi tre artisti questo connubio è evidente al punto da aver fatto nascere dei veri e propri stili che, a dispetto delle leggi di mercato, continuano ad incontrare ancora un grande riscontro di pubblico, di tutte le età ». Eugenio Bennato ha, nel corso di diversi decenni, innovato profondamente la tradizione, tanto da diventare un riferimento. «Porterò ad Olevano il concerto che ho eseguito in giro per il mondo e pochi giorni fa a Kuwait City e a chiusurà, presenterò, come chiesto dall’amico Egidio, un inedito dal titolo ‘Questa non è una festa’ – dice Bennato – Il brano sottolinea il caratterea rivoluzionario e antagonista contro la logica globale di tutto il movimento della musica etnica del Sud, che oggi non è più un fenomeno di èlite, ma che rigurada una scelta popolare di una nuova generazione. Per questo ci ho tenuto a coinvolgere anche le Sette Bocche, un gruppo salernitano di musica popolare, che sarà con me sul palco per il finale». Enzo Gragnaniello oltre ad essere un cantautore è un poeta, sensibile e attento agli aspetti spirituali dell’esistenza. James Senese, Premio Tenco 2016, è l’icona della costanza e della fedeltà alla propria arte e all’ideologia dei suoi messaggi, senza rinunciare alla continua sperimentazione.

Contrassegnato da tag , , , , ,

Casoria: Roberto Saviano ospite d’eccezione al Museo Cam


Centinaia di fan, ammiratori e sostenitori di Roberto Saviano, sono accorsi al museo Cam di Casoria, dove è stata inaugurata la “Sala Saviano”.. Una spazio dedicato allo scrittore e saggista italiano, dove tanti artisti napoletani potranno alternarsi per esporre le proprie opere.

“Una sala dedicata per la prima volta “ai vivi”- afferma Saviano- l’ho trovata un’idea geniale, una provocazione in un museo che di per sè è già una provocazione. 


Un museo curato, bello, non solo perché presidio di legalità in una cittadina come Casoria, ma che possiede anche una bellezza vera. Sembra infatti un museo berlinese o francese, con i suoi colori, i suoi spazi e le sue opere così emozionati.” Apprezzo anche l’attività di denuncia-aggiunge Saviano- che da anni il direttore del CAM Antonio Manfredi e il suo team, continua a portare avanti con una denuncia che non ha il tono del lamento, ma un tono attivo di perseveranza a di contrasto alle ostilità, ovvero stiamo facendo quello che stiamo facendo nonostante le intimidazioni e la solitudine, anche perchè attorno abbiamo forti sostenitori che non ci abbandonano.”

Alla presentazione sono intervenuti il Sindaco di Casoria, Pasquale Fuccio e il direttore del CAM, Antonio Manfredi, che ha consegnato a Saviano il premio CAM-On Award.

Contrassegnato da tag , , , , , ,

 Ritorna a Natale il format  “Fatti Unici”in scena al Teatro Politeama 

Dopo il successo della scorsa edizione, ritorna con ben 6 nuovi episodi diretti da Lello Arena la comicità di Fatti Unici, il format diretto da Tunnel Produzioni, al Politeama dal 25 Dicembre.

Una situation comedy live ambientata in un commissariato dove professionalità ed efficienza non sono una prerogativa.

Nelle vesti del commissario ritroviamo Maria Bolignano, alle prese con tre grossi problemi: dirigere un commissariato “particolare”,
tenere segreta una storia sentimentale con un collega, interpretato da Paolo Caiazzo, appianare le disavventure del fratello truffatore con obbligo di firma, interpretato da Ciro Ceruti. 

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Dal 26 dicembre a Napoli l’esilarante spettacolo degli ARTETECA:”Cinque du Shatush”

L’esilarante coppia comica dal talento trascinante, Monica Silvia Lima e Enzo Iuppariello, in arte gli Arteteca, si preparano ad una nuova divertente avventura teatrale. Insieme ad un gruppo di circensi e l’apporto video delle più innovative tecnologie presentano  “CIRQUE DU SHATUSH” , il nuovo spettacolo di Natale. Gli Arteteca,  considerati da tempo,  i personaggi più amati del contenitore comico di Rai2 Made in Sud, reduci da una tournée internazionale e protagonisti del nuovo film di Natale 2016 “Natale a Londra”, saranno  mattatori per due ore di intrattenimento con la “ i “ maiuscola dal ritmo serratissimo.
Lo spettacolo (durata 1h.45 + intervallo) – scritto a quattro mani dagli stessi Arteteca con Nando Mormone e Ciro Ceruti che ne cura anche la regia – raccorda attraverso le musiche inedite del maestro Taviani ed i numeri di un gruppo di 8 circensi ed acrobati, sketch che hanno come protagonisti i più amati personaggi ai quali il duo comico ha dato vita negli anni. Un continuum che trascinerà gli spettatori a 360 gradi in un mondo fantastico; il pubblico avrà la sensazione di entrare in un circo, grazie all’allestimento che caratterizzerà tutti gli spazi di accesso oltre alla sala stessa, con artisti circensi che accoglieranno gli spettatori in sala ancor prima che lo spettacolo vero e proprio abbia inizio.
Uno spettacolo per Tutta la famiglia fatto di immagini, musica, circo e soprattutto tante risate!

Debutto Nazionale 26 dicembre 2016 Napoli, Teatro Palapartenope poi in tour nazionale nei principali teatri italiani. 

Prezzi :

1 settore 25€ + prev
2 settore 20€ + prev

3 settore 15€ + prev

Contrassegnato da tag , , , , , ,

Flash Mob degli Arteteca per il nuovo spettacolo “Cirque du Shatush”

Il duo di attori e comici Enzo e Monica, “Arteteca” della Tunnel Produzioni, a bordo di un mini van rosa shocking ha attraversato ieri giovedì 15 dicembre la città di Napoli e coinvolto i napoletani in mini spettacoli on the road.

Gli Arteteca erano accompagnati dagli artisti circensi che saranno con loro protagonisti dello spettacolo Cirque du Statush, in programma al Palapartenope di Napoli dal 26 dicembre. Enzo e Monica hanno fatto tappa a : Via Martucci, Via Scarlatti, Via Toledo, Piazza del Gesù e poi sono passati al mercatino di San Pasquale e quello di Antignano, hanno incontrato i napoletani e coinvolto la gente che stupefatta e felice ha scattato selfie e ballato in strada con i due attori che attualmente sono anche sul grande schermo protagonisti del film “Natale a Londra”.

Metti insieme una coppia comica dal talento trascinante, un gruppo di circensi e l’apporto video delle più innovative tecnologie ed ecco “CIRQUE DU SHATUSH” , il nuovo spettacolo di Natale. Gli Arteteca – al secolo Monica Silvia Lima e Enzo Iuppariello – fra i personaggi più amati del contenitore comico di Rai2 Made in Sud, reduci da una tournée internazionale e protagonisti del nuovo film di Natale 2016

“Natale a Londra”, sono mattatori per due ore di intrattenimento con la “ i “ maiuscola dal ritmo serratissimo. Lo spettacolo (durata 1h.45 + intervallo) – scritto a quattro mani dagli stessi Arteteca con Nando Mormone e Ciro Ceruti che ne cura anche la regia – raccorda attraverso le musiche inedite del maestro Taviani ed i numeri di un gruppo di 8 circensi ed acrobati, sketch che hanno come protagonisti i più amati personaggi ai quali il duo comico ha dato vita negli anni. Un continuum che trascinerà gli spettatori a 360 gradi in un mondo fantastico; il pubblico avrà la sensazione di entrare in un circo, grazie all’allestimento che caratterizzerà tutti gli spazi di accesso oltre alla sala stessa, con artisti circensi che accoglieranno gli spettatori in sala ancor prima che lo spettacolo vero e proprio abbia inizio.

Uno spettacolo per Tutta la famiglia fatto di immagini, musica, circo e soprattutto tante risate!

Debutto Nazionale 26 dicembre 2016 Napoli, Teatro Palapartenope, poi in tour nazionale nei principali teatri italiani.

Contrassegnato da tag , , ,

“DENTRO IL SILENZIO”: La grande sfida cinematografica di Pino Sondelli contro la sordità infantile 


Martedì 13 dicembre 2016, alle ore 11, sarà presentato ufficialmente al cinema “America Hall”, sito in Napoli in Via Tito Angelini, 21, “DENTRO IL SILENZIO”, il film-sfida nato da un’idea di Antonio della Volpe e Lucio Allegretti, realizzato dal noto regista Pino Sondelli e dedicato alla sordità infantile.

Il lavoro cinematografico gode del patrocinio dell’AORN Santobono-Pausilipon di Napoli, del Comune di Napoli – Assessorato alla Cultura e al Turismo e dell’Unicef Campania.

La produzione è di Aquila Film, società che da trenta anni è impegnata nella comunicazione in ambito medico-sanitario; direttore di produzione Ornella De Santis.

Notevole il cast di attori napoletani che ha condiviso la sfida entrando con professionalità e sensibilità nella trama del film dedicato al delicato mondo della sordità infantile. Tra tutti ricordiamo Stefania De Francesco, Stefano Moffa, Gianni Parisi, Riccardo Zinna, Renato de Rienzo, Pino L’Abbate, Virginia Formisano, il maestro Fabrizio Soprano, Piera Violante, la piccola Ilaria Porcelli dell’Accademia di Briciole di Stelle, Mattia Abbundo e Alessandra Savastano.

 Aquila Film si è avvalsa nella produzione della collaborazione degli studenti dell’Accademia Belle Arti di Nola, ABAN: Giuseppina Barbati, Cinzia Cittadini, Walter Chiarello, Angela Limonciello, Giovanni Ruoppo, Ena Serra, Armando Giuseppe Mandile, con la presenza di Daniele Pirozzi e Alessandro Calamo diretti dal prof. Pino Sondelli e con la partecipazione di Savio Panico.

Da un incontro tra il prof. Antonio della Volpe, Responsabiledel Centro di Riferimento Regionale per gli Impianti Cocleari in età pediatrica della UOSD di Chirurgia Protesica della Sordità infantile del Santobono-Pausilipon di Napoli e Lucio Allegretti direttore della Società di produzione, nasce l’idea di comunicare, attraverso una storia vera, il disagio della sordità infantile e la sua possibile risoluzione attraverso la scelta dell’impianto cocleare.

La Regione Campania ha un primato: è stata la prima regione italiana a introdurre lo screening universale dei nuovi nati dal 2003 (Delibera n° 3130 del 31.10.2003)

 

Dentro il Silenzio è la storia della famiglia di Luisa e Alberto Pascucci con i loro tre figli: Ilaria di 9 anni e dei gemelli Giulio e Carlotta di 4 anni. I due gemelli, nati con un udito normale, all’età di circa tre anni lentamente lo perdono. Tra il non accettare l’idea di avere dei figli con l’handicap della sordità e il non conoscere il motivo, inizia il dramma della famiglia Pascucci: una famiglia come tante, catapultata in poco tempo in una realtà dura e difficile da accettare. Per Luisa e Alberto inizia un percorso prima del tutto inimmaginabile. Un continuo girare tra medici, amici e conoscenti in cerca di verità ed indicazioni su come agire davanti ad un evento molto più grande di loro. Con la consapevolezza di non voler accettare una realtà troppo penosa, e quindi rischiare di creare ai gemelli una vita diversa dagli altri bambini, i coniugi Pascucci affronteranno un periodo di confronti, fatto di ragioni, litigi, incomprensioni, a volte crudi, laceranti, sofferti, che li dividono per poi riunirli e dividerli e riunirli ancora, in un’alternanza di emozioni che non mancheranno di stimolare e coinvolgere gli spettatori, aprendo le menti ad una propositiva conoscenza di una realtà sconosciuta a tanti. La ricerca faticosa di un nuovo equilibrio, una nuova “normalità” di vita.

Sotto la spinta dell’affettuoso nonno materno, Luisa e Alberto decidono di incontrare nell’ospedale pediatrico della città, l’equipe di medici specialisti che indica la soluzione al problema: dopo vari controlli ed esami ai piccoli pazienti la giovane coppia sceglie consapevolmente di sottoporre i propri figli all’intervento di impianto cocleare.

Grazie all’impianto cocleare la vita affettiva e sociale dei bambini diventa normale. I due gemelli diventano dei piccoli campioni: Giulio nel basket e Carlotta nella danza.

Nelle parole di Pino Sondelli, la nascita del progetto sociale ed il perché di una scelta “folle”, sicuramente molto impegnativa.

E’ l’Aquila Film che decide di contattare il regista Pino Sondelli, in un primo momento per realizzare uno spot sugli impianti cocleari per la sordità infantile, ma dalle parole del regista:

“…all’incontro nell’Ospedale Santobono di Napoli, rimango pietrificato da un’immagine: quella dei tantissimi bambini di pochi mesi e anni, tutti legati dallo stesso disagio della sordità. Dopo pochi secondi di miei silenziosi sguardi su quei tanti volti tristi e spenti, vengo ricevuto dai medici e ascolto quello che mi dice il primario del reparto Antonio della Volpe. Senza indugio, poiché l’idea nasce da una storia vera, propongo di trasformarla in un film: la storia di una famiglia che combatte, e dei bambini che non hanno la capacità di sentire entrando giorno dopo giorno DENTRO IL SILENZIO”.

Una sfida per il diritto di tutti a sentire e vivere una vita pienamente appagante, che sicuramente servirà. Un progetto creato e portato avanti con assoluta passione e solo per Amore verso l’Infanzia, che è il futuro della vita. 

Contrassegnato da tag , , ,